Da Luglio nuovo contratto base per le assicurazioni auto

Da Luglio nuovo contratto base per le assicurazioni auto

Il 2 Luglio 2020 è la data di entrata in vigore del decreto attuativo che disciplina il nuovo contratto base della RC auto, così come previsto dalla legge 221/2012. Che cos’è questo contratto base? Si tratta in pratica di un modello standard di contratto, unico per tutte le compagnie operanti in Italia, che deve prevedere e distinguere tutte le clausole e le condizioni che determinano l’ammontare del premio.

Contratto base RC auto: come funziona

In particolare il nuovo contratto base per le RC auto deve necessariamente indicare le clausole minime della copertura di responsabilità civile (quelle sufficienti per adempiere all’obbligo assicurativo), tutte le condizioni aggiuntive che il cliente può scegliere per arricchire la polizza, le clausole limitative che incidono sulla diminuzione delle tariffe (p.es. la guida esclusiva o la scatola nera) e le clausole di ampliamento che invece possono determinarne l’aumento (p.es. l’estensione dei massimali minimi di legge). Così che l’assicurato possa facilmente 'comporre' la sua polizza, in base alle proprie esigenze e necessità, applicando le singole voci di costo fino a stabilire il prezzo complessivo.

RC auto: il contratto base non uniforma le tariffe

Il nuovo contratto base è valido soltanto per le polizze di responsabilità civile derivante dalla circolazione di autovetture, motocicli e ciclomotori a uso privato. E ovviamente non influisce sulla libera determinazione del prezzo del contratto stesso e delle eventuali garanzie e clausole da parte di ciascuna compagnia assicurativa. In altri termini il contratto base non uniforma le tariffe, ma mette subito in chiaro la composizione della polizza RC auto e il relativo importo nell’ottica di garantire maggiore trasparenza a tutela dei consumatori.

Con il contratto base arriva il modello elettronico

L’introduzione del contratto base è strettamente connesso alla prossima realizzazione, a cura del Ministero dello Sviluppo Economico, di un modello elettronico di preventivo che costituirà lo standard informativo comune su cui le compagnie di assicurazione dovranno basare l’offerta fornita, sia mediante i rispettivi siti web che tramite il servizio 'Nuovo preventivatore pubblico'.

Stai cercando le migliori assicurazioni auto o le migliori assicurazioni moto sul mercato? Prova gratuitamente il comparatore di Facile.it!